DIVINA SCHIAVO

Una Schiavone grandiosa regala al pubblico di Melbourne 4 ore 44 minuti di vero spettacolo. Ed è record di durata! Da oggi merita di essere chiamata con l’appellativo che finora è stato appannaggio esclusivo di Suzanne Lenglen

Be Sociable, Share!

E’ forse dai tempi della francese Suzanne Lenglen, dagli Anni Venti quindi, che l’appellativo di “Divina” non viene più accostato ad un altro nome di tennista. Dopo quanto ci ha mostrato Francesca Schiavone negli ultimi otto mesi e ancora oggi, sarebbe forse il caso di rispolverarlo.

E’ ovvio che siamo mossi da un forte sentimento nazionalista, ma la grinta e l’abilità con cui la milanese è rimasta in partita ed ha lottato per 4 ore e 44 minuti (record di durata femminile in tutti gli Slam) contro la coriacea russa Svetlana Kuznetsova, annullandole ben 6 match-point e terminando il terzo set per 16/14, merita un riconoscimento.

“Leonessa” non basta più per sottolineare il suo tennis vario ed elegante,  il suo stile unico, il suo carattere da combattente e la sua personalità dalle mille sfaccettature…

“Divina” è l’unico aggettivo che le si addice. Passate parola!

(foto daylife)

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.