TOMIC LANCIA LA SFIDA A FEDERER

In previsione del terzo turno più atteso dello Slam, tra l’idolo di casa Bernard Tomic e l’idolo delle folle Roger Federer, l’australiano sembra più che sicuro delle sue possibilità. Federer risponde: “Non vedo l’ora di giocare e non ho nessuna intenzione di perdere”. Murray:“Punti facili grazie al mio servizio”.

Be Sociable, Share!

Tennis. Melbourne (Australia). Tutto pronto dunque per il match che gli australiani speravano di vedere: Benard Tomic affronterà Roger Federer nel terzo turno, per dimostrare a lui e al mondo di poter competere a tutto tondo con i top player. Nessun timore reverenziale si evince dalle parole del giovane, talentuoso quanto incostante, tennista di casa, che già da prima dell’inizio dello Slam ostentava sicurezza per il possibile incontro.

“Se dovesse essere lui il mio prossimo avversario” dice Tomic durante la conferenza stampa avvenuta prima del match di Federer “direi che è il momento giusto per affrontarlo. Ho buone possibilità di vittoria, ho battuto molti buoni giocatori nelle ultime settimane, e Novak (Djokovic) è uno di questi. Se dovrò affrontarlo sarò pronto, ho molte speranze, è possibile. Il mio livello l’ho dimostrato a Perth, e proverò a dimostrarlo anche qui.”

Non è stato però affatto facile per Bernard conquistare il pass per il turno successivo. All’australiano sono serviti ben otto match point per portare a casa un match che sulla carta sembrava essere per lui molto meno ostico. Il tedesco Daniel Brands, suo avversario, è stato abbattuto a suon di ace solo nel tie-break del quarto set, dopo essersi trovato in apertura di match a condurre 1-0. “Daniel ha giocato davvero bene. Mi ha sorpreso, sono contento di aver vinto alla fine perché lui ha giocato molto meglio di quanto potrebbe sembrare dalla sua posizione in classifica. Non pensavo potesse servire così, credo che abbia fatto più di venti ace durante l’intero match. Per fortuna sono riuscito a fare il break nel secondo set quando eravamo cinque pari, se fossimo arrivati al tie break sarebbe potuto succedere di tutto. Essere in svantaggio di due set nel match di uno Slam non è una buona cosa.”

Tanti i progressi al servizio di Tomic, che vede in questo un’arma in più per superare il prossimo impegnativo ostacolo : “Ho fatto circa 26 ace fino ad ora, mi sembra, che è probabilmente il mio record personale. Nemmeno oggi ho perso mai il servizio, l’ultima volta che ho subito un break è stato contro Nieminen s Sydney. Quello che voglio dire è che sto servendo davvero bene, e userò questa confidenza che ho acquisito nel prossimo match. Vedremo se sarà abbastanza.”

Stoico e imperturbabile rimane ancora una volta sua maestà Roger Federer, mostrandosi non troppo preoccupato delle minacce di guerra di Tomic, ben consapevole di presentarsi comunque in campo come favorito. “Ho molta più esperienza di lui. Lo scorso anno ho raggiunto i mille match, e intendo dire che so quanto sia duro un match di cinque set, o quanto possa essere intensa la sessione serale. Certo, questo potrebbe aiutarmi, come potrebbe non farlo. Vedremo come andrà, lui ha disputato un buon match oggi anche con il caldo, quindi su questo piano non ho molti vantaggi, ma nemmeno lui.”

Le pressioni dei media, nemmeno a dirlo, stanno raggiungendo livelli stellari nelle ultime ore, e insistono sul fatto che il giovane australiano abbia migliorato di molto il suo gioco, aggiungendo altri assi nella manica al suo repertorio tennistico. “Siamo appena all’inizio della stagione” afferma lo svizzero, “è difficile capire quanto un giocatore abbia lavorato durante la off season e quanti progressi abbia fatto. Ovviamente iniziare bene ti dà uno slancio in più. Credo che abbia imparato molto durante il 2012, è bello che sia tornato a buoni livelli dopo un momento difficile del suo gioco. Sembra giocare meglio, ma io sarò pronto, non vedo l’ora di giocare e non ho intenzione di perdere.”

A differenza di Tomic, il numero due del mondo ha disputato un match piuttosto agevole contro il russo Nikolay Davydenko, senza mai perdere il servizio, ma faticando non poco a concretizzare le numerose palle break avute a sua disposizione. Mai comunque in dubbio il risultato finale, che ha visto l’elvetico uscire vincitore con il punteggio di 6-3 6-4 6-4. “So cosa aspettarmi da me stesso. Oggi sono fisicamente  più forte di quanto potessi essere a inizio carriera, quindi posso permettermi di allungare gli scambi o non preoccuparmi troppo di chiudere subito il punto. Spero di essere un giocatore migliore, sono passato attraverso periodi in cui dovevo lottare contro Sampras e Agassi, e ora ho davanti giocatori atleticamente molto più forti. Sono contento di essere riuscito a rimanere al top in maniera costante nel corso degli anni e per così tanto tempo.” Nessun problema sembra dunque sussistere nelle prestazioni di Federer, che appare sempre in totale controllo dei match e quasi mai incline a concedere opportunità nei sui turni di servizio.

Anche Andy Murray si garantisce come previsto un posto nel prossimo turno, faticando poco più del previsto sotto il rovente sole australiano. Il prossimo avversario, il lituano Ricardas Berankis, non è una nuova conoscenza per Andy, che infatti afferma:  “Abbiamo giocato insieme molte volte. Ci siamo allenati insieme prima dell’Australian Open lo scorso anno, a Brisbane negli ultimi due. Lavora duro, è un bravo giocatore e un gran bravo ragazzo, sono contento di vederlo bene perché abbiamo speso molto tempo insieme sui campi. Vedo che sta giocando molto bene, ha battuto senza problemi un giocatore come Mayer, ha un tennis molto aggressivo.”

Alla luce del risultato finale (6-2 6-2 6-4), lo scozzese si dichiara contento del suo gioco e del suo servizio, affermando sollevato: “Sono riuscito a fare i break abbastanza rapidamente nei primi due set, così ho potuto tentare di accorciare gli scambi, cosa che aiuta a risparmiare energie. Ho anche servito bene oggi, ho ottenuto molti punti facili con il servizio. Ci sono stati davvero pochi scambi lunghi, ed è stato un bene perché oggi le condizioni climatiche erano davvero impegnative.”

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.